Marijuana invece di incenso, sacerdote e fedele finiscono in ospedale


iSpeech Vogon

Il parroco ei fedeli di una piccola chiesa di Chieti sono finiti in ospedale a causa di un'intossicazione. Come sempre prima della messa, il parroco ha acceso l'incenso ed i fedeli sono entrati per la funzione. Poco dopo, tuttavia, le persone presenti iniziarono a sentirsi male e molti decisero di lasciare la messa. Secondo la ricostruzione, l'incidente avrebbe causato alcuni giovani che, per scherzo, avrebbero sostituito l'incenso con la marijuana prima della messa.

Secondo alcune testimonianze, durante il rituale della diffusione dell'incenso, nella chiesa locale si è alzata una nuvola di fumo più consistente del solito. Solo dopo pochi minuti il ​​perpetuo notò che il parroco era in uno stato di confusione, così alcuni fedeli decisero di interrompere la funzione religiosa e di accompagnare il prete e alcuni altri presenti all'ospedale. (Continua a leggere dopo la foto)

L'uomo è stato ricoverato in ospedale e, come gli altri fedeli presenti alla messa che erano venuti al pronto soccorso, i medici sono stati in grado di scoprire la verità. Dalle prime indagini emerse un risultato che lasciò i medici quasi senza parole: tutti i presenti alla messa erano stati intossicati dal cannabinoide sintetico JWH 122. I carabinieri sono alla ricerca dei colpevoli, che potrebbero essere alcuni figli della parrocchia. Al momento, dopo il trattamento, il sacerdote e i fedeli stanno bene. (Continua a leggere dopo la foto)

Non è nemmeno la prima volta che il giovane parroco finisce al centro dei commenti dei cittadini di Chieti. In effetti, aveva già discusso la sua iniziativa rivolta ai ragazzi, o trascorso una notte in tenda prima della laurea. La notte insieme ha rappresentato per lui un modo diverso di far vivere ai giovani un'esperienza di vicinanza a Dio. L'autore dello scherzo, quando verrà identificato, oltre alla fama potrebbe andare incontro a gravissimi problemi giudiziari considerando le persone che sono finite in ospedale a causa di ciò, senza nemmeno contare il possesso di droghe. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}
I cannabinoidi sintetici, come indicato dal nome, sono molecole simili ai cannabinoidi naturali, ma di natura sintetica. Sono progettati nel contesto della ricerca scientifica e sintetizzati in laboratori chimico-farmaceutici allo scopo di identificare molecole che preservano alcune proprietà del THC, ma privandole dei suoi tipici effetti psicoattivi. I primi tentativi di sintetizzare i cannabinoidi sono stati orientati verso la preparazione di molecole completamente simili al THC.

Michele De Nittis, messaggi caldi e foto di nudo sul telefono del prete: le chat leggere su Afternoon Five

L'articolo Marijuana invece dell'incenso, sacerdote e fedele finiscono nell'ospedale proviene dalla rivista Caffeina .

(Fonte: Articolo originale su Caffeina Magazine)

Commenta su Facebook
1,3,7-trimetilxantina

Informazioni su Babel Fish

Con l'ausilio di un Pesce di Babele, Babel Fish traduce in italiano articoli da noti blog intergalattici e - giammai soddisfatto - traduce dall'italiano al Vogon e poi di nuovo dal Vogon all'italiano articoli da noti blog italiani. I risultati delle lavoro di Babel Fish sono pubblicati su questo blog.

Precedente Mani gonfie quando ti svegli? Perché succede e quali sono i rimedi Successivo Utilizzando la tecnologia per proteggere la privacy online: 2018 anni in rassegna

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.